Prestiti per Cattivi Pagatori e Protestati

Guida per chi ha difficoltà ad accedere al credito presso Banche o altri Istituti Finanziari

Gli utenti che presentano una richiesta di Prestito a Banche e Finanziarie non sempre riscontrano una facilità tale da permettere loro un accesso agevolato al Credito, senza dover presentare garanzie aggiuntive, magari perché risultano avere protesti o hanno una segnalazione come cattivi pagatori.

Ciò accade perché, una volta contratto un debito e/o ricevuta alla possibilità di godere di una Linea di Credito, può succedere che l’utente non rispetti gli obblighi contrattuali e nel dettaglio non rispetti le scadenze concordate con Banche e Finanziarie inerenti il piano di rientro, Rate mensili addebitate e scoperti nei fidi di conto. In aggiunta è potenzialmente riscontrabile un sovra indebitamento con un grado di rischio maggiore riguardo una eventuale esposizione finanziaria ed una impossibilità nel garantire la sicurezza della Solvibilità del Debito Contratto.

Una maggiore difficoltà verificabile durante l’accesso al Credito nell’ottenimento di Fiducia da parte di Banche e Finanziarie può essere causata dalla Valutazione Finanziaria del cliente attraverso le Banche Dati Creditizie CRIF, CERVED, il consorzio Tutela del Credito CTC e la Centrale Rischi. L’ottenimento di un Prestito risulterebbe di conseguenza più difficoltoso ed a condizione non agevolate con la riserva di un’accettazione di condizioni contrattuali e tassi di interesse meno convenienti rispetto a quelle potenzialmente ottenibili attraverso altre Tipologie di Finanziamento che non vengono concesse agli utenti che non rispecchiano parametri ottimali a discrezione degli Enti eroganti il Credito.

 

Prestiti per cattivi pagatori

Particolare attenzione viene rivolta agli utenti che hanno subito un Protesto, un atto pubblico con il quale si attesta l’avvenuta presentazione di una cambiale o di un assegno al debitore e il rifiuto da parte dello stesso di pagare o accettare il titolo, e/o un Pignoramento, l’atto con il quale ha inizio un’espropriazione forzata.

 Ottenere un prestito in considerazione di questi parametri variabili può risultare problematico con il conseguente rischio di non poter ricevere la possibilità di accedere al Credito.

Vedi anche la nostra guida sui Prestiti Cambializzati.

 

Come ottenere un prestito se si risulta Cattivi Pagatori?

Un finanziamento, prima di essere deliberato da una Banca o da una Finanziaria, viene valutato attraverso un’analisi Finanziaria dell’utente che ne fa richiesta attraverso la consultazione di dati per i quali l’utente stesso ha concesso il trattamento e la trasmissione a terzi. In questo caso alle Banche Dati creditizie ed agli istituti di raccolta Dati attraverso i quali è possibile riscontrare delle potenziali irregolarità dovute ad una mancanza del rispetto degli obblighi contrattuali che un cliente sottoscrive nel momento in cui inizia un rapporto di concessione di un Credito ed un conseguente piano di rientro del Debito.

CRIF, CTC, CERVED, Centrali Rischi, sono raccoglitori di informazioni grazie alle quali le stesse Banche e Finanziarie che ne comunicano le esposizioni finanziarie dei propri clienti, possono consultare per poter reperire le informazioni necessarie al fine di redigere una valutazione strettamente discrezionale prima di concedere la stessa fiducia che eventualmente già altri istituti di Credito hanno concesso. Il fine è quello di avere un Quadro quanto più completo sull’affidabilità Creditizia che può vantare un utente in base al suo pregresso ed al suo presente finanziario con una stima verosimilmente accettabile nei confronti della possibilità di garantire la solvibilità di un Debito contratto.

Prestiti per protestati

Nel caso dovesse risultare che un richiedente il Finanziamento ha subito, per mancati pagamenti, more, un protesto o un pignoramento di Beni mobili o immobili, l’utente potrebbe incontrare ostacoli nell’ottenimento di un Prestito. 

Particolari difficoltà nel vedersi riservata la possibilità di accesso al credito possono venire riscontrate da parte dei così detti Cattivi Pagatori. La motivazione è constatabile con logica poiché io prestiti personali non vengono convenzionalmente concessi a seguito di un pregresso in cui sono state riscontrate mancanze nel rispetto di eventuali accordi contrattuali ed in assenza di conseguenza di garanzie aggiuntive. 

Solo chi può vantare un contratto di lavoro da Dipendente o chi può vantare una pensione di Vecchiaia, anzianità o reversibilità, può ambire a non essere categorizzato come non finanziabile se Cattivo Pagatore.

Cessione del Quinto per Protestati senza garanzie

Grazie alla Cessione del Quinto dello Stipendio o della Pensione un utente protestato o a nome del quale gravano pregiudizievoli può ambire ad accedere al Credito ed una valutazione può essere presa in considerazione da Banche e Finanziare a seguito della presentazione della Garanzia di una Busta Paga continuativa o di un reddito da Pensione.

Grazie alla possibilità di presentare un contratto di lavoro o una pensione come garanzia per la solvibilità del credito un cliente che risulta essere pignorato può chiedere un prestito per estinguere il pignoramento ed ottenere in aggiunta liquidità. Trattasi di un Consolidamento Debiti grazie al quale è possibile stabilizzare la propria situazione finanziaria, consolidando i debiti assunti attraverso finanziamenti o mutui.

Anche chi ha avuto un pregresso tale da non poter rispecchiare l’affidabilità creditizia e finanziaria auspicabile da Banche e Finanziarie, può ambire a poter richiedere ed ottenere nuovamente la fiducia necessaria per poter presentare una domanda di accesso al credito, grazie alle garanzie aggiuntive che possono essere richieste dagli istituti di Credito che offrono i loro prodotti finanziari sul mercato al fine di poter risanare la posizione degli utenti richiedenti liquidità per far fronte a necessità finanziarie.

Potrebbero Interessarti:

Lascia un commento